Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

PDF Stampa E-mail

 Cos'è il vincolo idrogeologico

L’intero territorio nazionale è stato suddiviso in aree potenzialmente a rischio secondo le direttive del R.D.L. del 30 dicembre 1923 n° 3267 conosciuto come “legge forestale” al cui art. 1 si legge:

“Sono sottoposti a vincolo per scopi idrogeologici i terreni di qualsiasi natura e destinazione che (…) con danno pubblico possono subire denudazioni, perdere la stabilità o turbare il regime delle acque”.

Quando viene richiesto

Viene richiesto quando all’interno delle aree vincolate vengono previsti i seguenti interventi:

  • nuovi edifici di qualsiasi tipo e destinazione, compresi eventuali ampliamenti di opere connesse (rimesse, box, piscine, ecc.);
  • muri di sostegno superiori di 100 cm di altezza;
  • infrastrutture connesse a elettrodotti superiori a 20.000 volts (cabine primarie);
  • parcheggi di qualsiasi tipo e piazzali di manovra;
  • sistemazione di terreni con opere di drenaggio (maggiori di 100 ml e profondità superiori a 150 cm);
  • creazione o eliminazione di terrazzamenti di terreni finalizzati ad attività agricola o extragricola.
  • Quali documenti occorrono.

    Ai fini della richiesta dello svincolo occorre presentare i seguenti documenti:

  • Planimetrie su C.T.R. a scala 1:10.000;
  • Planimetrie catastali con indicazione dei fogli e delle particelle interessate;
  • Elaborato progettuale dell’opera (con planimetrie, prospetti, sezioni);
  • Relazione tecnico descrittiva delle opere da realizzare;
  • Relazione geologica redatta da geologo abilitato e iscritto al relativo albo professionale;
  • Scheda notizie;
  • Nulla osta Ente Parco se l’intervento ricade all’interno di aree protette;

  • Quando serve la Relazione geologica.
    La relazione geologica è obbligatoria per le tipologie d’intervento ricadenti nella Tab. A su menzionate. La stessa dovrà contenere:

  • stralcio carta geologica a scala opportuna;
  • caratteri geologici, litologici e pedologici;
  • assetto geomorfologico e idrologia di superficie;
  • fenomeni di erosione e di dissesto (in atto o potenziali);
  • caratteri idrogeologici e vulnerabilità delle falde;
  • sismicità dell’area;
  • valutazione degli elementi concorrenti a definire situazioni di rischio e - ipotesi tecniche di riduzione dello stesso
  •  

    Competenze.

     L’istanza di autorizzazione ai lavori e agli interventi sopra menzionati deve essere presentata corredata dalla documentazione richiesta, al Sindaco del comune territorialmente competente. Il Sindaco fa pubblicare per 15 giorni all’Albo Pretorio la domanda e quindi, con le opposizioni che fossero state presentate e con le sue osservazioni, la trasmette all’Amministrazione provinciale competente assieme alla documentazione allegata.

     

     

    Normativa di riferimento.
    R.D.L. n° 3267 del 30 dicembre 1923
    R.D. n° 1126 del 16 maggio 1926
    D.G.R. n° 6215 del 30 luglio 1996
    D.G.R. n° 3888 del 29 luglio 1998